Il Teatro Che Danza, Ultimi Due Appuntamenti

DOCUMENTI SCARICABILI

Ultimi due appuntamenti della rassegna “Il teatro che danza” organizzata dal Teatro di Roma-Teatro Nazionale.

Per gli studenti dell’Accademia Nazionale di Danza è riservato il prezzo speciale di 5 euro anziché 15 euro. Per prenotare, specificare nell’oggetto ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA, scrivere a >>community@teatridiroma.net oppure telefonare al numero >>06 684000507

Ecco gli spettacoli in programma

L’ 11 e 12 luglio alle ore 21.00 va in scena ALFA – appunti sulla questione maschile di Roberto Castello e il 14 e 15 luglio sempre alle ore 21.00 Temporaneo Tempobeat di Ariella Vidach – Aiep

ALFA- Appunti sulla questione maschile

in collaborazione con Alessandra Moretti, Mariano Nieddu, Ilenia Romano, Francesca Zaccaria
e con la riflessiva collaborazione di Andrea Cosentino, Carlotta Cossutta, Giacomo Verde, Stefano Questorio
interpreti Roberto Castello, Alessandra Moretti, Mariano Nieddu, Ilenia Romano, Francesca Zaccaria
testi, coreografie e musiche Roberto Castello
scene Daniele Spisa

produzione Aldes con il sostegno di Associazione Dello Scompiglio
con il sostegno di MiBACT – Direzione Generale per lo spettacolo dal vivo
Regione Toscana / Sistema Regionale dello Spettacolo

Sulla scena, l’irriverenza e l’originalità di uno dei coreografi più apprezzati della danza, Roberto Castello due volte premio UBU, già membro di Sosta Palmizi e dal 1993 a capo di Aldes, compagnia e collettivo artistico con cui conduce sperimentazioni tra danza, arti visive e nuove tecnologie. L’artista presenta la sua ultima coreografia, ALFA – appunti sulla questione maschile con cinque danzatori impegnati nell’indagine sull’identità maschile e la sua costruzione, sul meccanismo di formazione del ruolo dominante, e dunque del potere e della sua trasmissione intergenerazionale, in cui il ruolo femminile ha una funzione tutt’altro che marginale. Una sorta di saggio in forma di spettacolo in cui, all’interno di un dispositivo scenico volutamente tradizionale, parola, danza, e musica live si integrano in una forma drammaturgica tanto indefinibile quanto semplicemente teatrale.

TEMPORANEO TEMPOBEAT

ideazione e regia Claudio Prati e Ariella Vidach
coreografia Ariella Vidach

danzatori Chiara Ameglio, Giovanfrancesco Giannini, Manolo Perazzi, Stefano Roveda, Alessio Scandale
composizione vocale Marco Sambataro
programmazione audio max/msp Paolo Solcia
scenografia ed elementi visivi Claudio Prati costumi AiEP
foto di Michela Di Savino

produzione AiEP con il sostegno di MiBACT
Next / Regione Lombardia Comune di Milano
DAC Comune di Lugano, DECS Divisione Cultura Cantone Ticino / Swisslos
Danzatrice e coreografa svizzera dal segno sofisticato e preciso, Ariella Vidach da circa vent’anni realizza insieme al videoartista Claudio Prati progetti sperimentali che indagano il rapporto tra danza, nuove tecnologie e arti visive multimediali. In Temporaneo Tempobeat presenta una performance per cinque danzatori che focalizza la ricerca sul rapporto tra movimento e suono attraverso la vocalità come estensione dell’azione, esplorando il gesto nella sua sintesi. La performance coniuga così danza contemporanea, tecnologia wireless portatile e il beat boxing, una tecnica particolarmente usata nella street dance che consiste nel riprodurre i suoni di una batteria e di altri strumenti attraverso l’utilizzo della bocca e della voce. Un’esperienza condivisa, una pratica in cui i danzatori sono anche autori.
www.aiep.org